19 febbraio 2017

Perché questo blog

Come è nato "Mamma, mi leggi una storia?"

Tutto comincia quando il mio picccolo è poco più grande di una pesca.
Dicono che il bambino sente la nostra voce quando ancora si trova nella pancia della mamma.
E' da quel momento che inizio a leggergli storie e filastrocche.
Hai presente quel librone con 100 storielle della buonanotte?
Ecco...proprio quello!

Dopo la nascita, i libri riuscivamo a malapena a sfogliarli.
Poco tempo e tanta stanchezza. E lui non sembrava essere attratto dal mondo delle pagine rilegate.

Poi un giorno, quand'è più grandicello, iniziamo con i libri dei cartoni animati: cars, cricchetto, planes 1 e 2.
Letti, riletti e imparati a memoria. 😑

Di lì la necessità di trovare altre storie e per caso scopro la Biblioteca Comunale.
Da quel giorno mi si apre un mondo fantastico: libri di qualsiasi genere e necessità, datati e recenti, per grandi e piccini.
La comodità poi di poterli prenotare online.

Ora, diciamocela tutta: una mamma non ha mai molto tempo. Noi mamme dobbiamo ottimizzare e risparmiare più tempo possibile.
La voglia di libri nuovi diventava sempre più frequente mentre il tempo per cercarli sempre meno.

In un anno abbiamo letto più di 250 libri da bambini.
E qualche volta mi è capitato di sbagliare nella scelta: attirata dalla copertina e dal titolo (quasi sempre prenotato online) mi son ritrovata con un libro poco adatto per mio figlio, magari con pochi disegni, con troppe parole o con una storia a lui non molto congeniale.

E allora ecco il perchè di questo blog "Mamma, mi leggi una storia": una recensione dei libri che abbiamo letto con qualche immagine e indicazione in più per aiutare le mamme, spesso di fretta, che cercano il libro adatto per il proprio pargoletto.

E allora...buona lettura! 📖

Nessun commento:

Posta un commento