3 giugno 2017

Io e le mie emozioni di C. Langonnet e S. Règani - Ed. Red

Un libro per bambini e per adulti in cui le emozioni si presentano per quelle che sono, senza sé e senza ma!

Non so se è un periodo in cui semplicemente ci faccio più caso rispetto a prima o se è veramente così, ma mi sembra che ultimamente ci sia una forte tendenza a parlare di emozioni.
Dal famosissimo film "Inside Out" ai numerosi libri che parlano di rabbia, emozioni di ogni genere, paure varie.
E quante richieste da parte di genitori di consigli su libri che trattano questo tema.

Parlare di emozioni non è mai stato facile, nemmeno per un adulto, figuriamo poi a ricamarci attorno una storia.

Questo libro è però un libro un po' diverso dagli altri.
Infatti non racconta una storia vera e propria come siamo abituati a trovarla nei libri per bambini: non c'è un animaletto rosso dalla rabbia che esce dal personaggio o una piccola rannocchietta che racconta della sua paura dell'acqua.
In questo libro i protagonisti sono proprio le emozioni, nel senso che sono loro, le singole emozioni, a "parlare" e a raccontarci cosa sono, come si presentano, perchè...

Ma allora mi chiedo: perchè leggere questo libro ad un bambino?
Perchè spiegargli cosa succede dentro di lui quando è felice, quando è triste, quando è deluso, quando è innamorato?
Forse perchè in tanti si sono accorti che nemmeno gli adulti (ma non tutti per fortuna) sanno esprimere chiaramente le proprie emozioni?
Forse perchè in un'epoca in cui il grande Google ha una risposta per tutto, è l'essere umano ad aver perso la capacità di esprimersi?
Forse perchè nemmeno gli adulti sanno riconoscere certe emozioni?

Certo, perchè a volte la mia impressione è che nemmeno noi grandi sappiamo come gestire la rabbia, la tristezza o dimostrare l'amore per qualcuno: ci chiudiamo in noi stessi, parliamo a vanvera senza pensare alle conseguenze delle parole, diciamo di amare ma non sappiamo dimostrarlo... e poi ci stupiamo se nostro figlio di 2 anni, nel bel mezzo della sua crescita ed evoluzione emotiva, di fronte ad un "no" per un giocattolo o alla tv spenta improssivamente, scoppia tutto ad un tratto in gesti compulsivi e a calci a non finire.

Parlare delle emozioni è molto importante e comprenderle a pieno lo è ancora di più: perché aiutare nostro figlio a capire cosa sono, come si manifestano e che sono sentimenti naturali, normali, umani, lo aiuterà, crescendo, a gestirle e ad esprimerle nel migliore dei modi.
In un mondo invaso dalla freddezza della tecnologia, che illusoriamente avvicina ma che in realtà tende ad aggiungere chilometri virtuali tra le persone, in un mondo dove la manifestazione della propria rabbia, quella incontrollata, quella istintiva, ci fa assomigliare a volte più agli animali che ad essere umani dotati di cervello, credo che serva un "salto al passato" perchè quello che siamo diventati è legato a quello che eravamo da piccoli.

I piccoli... proprio loro, così istintivi, così impulsivi, che reagiscono mossi proprio dall'istinto stesso e si trovano spesso di fronte a genitori troppo razionali, che, crescendo, hanno dimenticato il vero significato di quello che i grandi chiamano capriccio, hanno dimenticao quale bisogno reale sia nascosto dietro il pianto di un bambino, hanno dimenticato che se a 2 anni iniziano a parlare, a 3 ad andare in bici, a 6 a leggere e a scrivere, forse per la gestione di ciò che nasce dentro di noi per manifestarsi poi esteriormente, necessita di qualche tempo in più.

Ma allora questo libro per chi è consigliato?
Beh... direi per tutti: per la famiglia intera, per le mamme, per i papà, per gli educatori, per i nonni, per chiunque abbia a che fare con un bambino... e ai bambini stessi, anche fin da piccolissimi.
Certo, non essendoci una storia ad attirare l'attenzione dei più piccoli, sarà il genitore (o chi legge il libro) a dover trasformare il momento di lettura in un qualcosa di coinvolgente, che può essere un gioco, un momento di chiacchera, un momento di confidenze, che porterà sicuramente a rafforzare il rapporto di stima e di fiducia tra i genitori e il figlio.

Un libro che aiuta a conoscere e riconoscere le emozioni per non averne paura, per saperle gestire e crescere bene!

Saranno proprio le singole emozioni a spiegare al piccolo e grande lettore chi sono, come si manifestano e cosa succede dentro di noi quando ognuna di loro si farà "vedere", ed infine saranno sempre le singole emozioni a chiudere le brevi "presentazioni" con l'invito a raccontare "di quella volta in cui...".

Ecco allora quali sono le 12 emozioni che parleranno di sé:
  • l'amore
  • la rabbia
  • la delusione
  • l'orgoglio
  • la vergogna
  • l'impazienza
  • la gelosia
  • la gioia
  • la paura
  • la solitudine
  • la timidezza
  • la tristezza

Io e le mie emozioni
di Cécile Langonnet e Soufie Régani
Traduzione di Chiara Iacomuzio
2017 - Red!


Un libro per bambini e per adulti sulle emozioni

Un libro per bambini e per adulti sulle emozioni

Un libro per bambini e per adulti sulle emozioni

Un libro per bambini e per adulti sulle emozioni

Un libro per bambini e per adulti sulle emozioni

Nessun commento:

Posta un commento