16 settembre 2018

Perchè noi Boffi siamo così? - J. Emmett - E. Dolan | Ed. Scienza

Perché noi Boffi siamo così?

 Come spiegare ai bambini la teoria dell'evoluzione con una storia divertente e in rima!

"Perché noi Boffi siamo così?" è un albo illustrato che, come ci ha spesso abituato la casa editrice, l' Editoriale Scienza, non si limita al racconto, non si limita a farci sorridere o meravigliare davanti ad illustrazioni bellissime, ma avvicina il piccolo lettore al mondo della scienza, al mondo delle scoperte coniugando così in modo egregio quello che è la fantasia e la bellezza delle illustrazioni con l'aspetto reale e scientifico della storia in sé.


Gli autori, Jonathan Emmett e Elys Dolan attraverso la storia dei Boffi ci portano per mano tra i concetti dell'evoluzione facendoci così riflettere su un aspetto reale, storico, scientifico, come quello dell'evoluzione della specie attraverso una storia fantastica.

Che poi, si sa, i racconti che trovate negli albi illustrati non sono MAI "semplici" racconti.
Chi adora come me queste gemme preziose fatte di colori e poesia, sa benissimo che gli albi illustrati hanno la caratteristica di voler testo e immagini come un tutt'uno ma, a mio parere, hanno anche il pregio e la virtù di saper tirar fuori dal cilindro del cuore (o della mente) qualcosa, un'emozione, un sogno, una speranza, una riflessione che molto dipende dal lettore, dal suo bagaglio emotivo, dalle sue aspettative e dalla sua apertura al viaggio con la fantasia.

Ecco perché non mi stancherò mai di dire che gli albi illustrati NON sono libri per bambini ma per tutte le età: proprio perché ognuno di noi ha la propria chiave di lettura, ciascuno di noi può trovare negli albi illustrati uno spunto di riflessione che non necessariamente è uguale per tutti.

Perché noi Boffi siamo così?

"Perché noi Boffi siamo così?" parla ovviamente dei Boffi.
Ma chi sono questi Boffi?
Sono degli animaletti "di fantasia", è ovvio, ma troverete in loro e nella loro storia qualcosa di già sentito.

I Boffi un tempo popolavano un pianeta simile alla Terra.
Facile fare un paragone con l'evoluzione della specie vera e propria.
Sebbene non ci sia alcun riferimento alla teoria di Darwin (se non alla fine del libro), è facile giungere a lui e fare quindi un paragone con quanto poi è successo secondo questa teoria.

Ma andiamo per gradi e torniamo nel mondo dei Boffi.
Perché noi Boffi siamo così?

La storia inizia con la presentazione dei Boffi di oggi: degli animali gialli con il collo lungo.
Niente di che, direte voi.
Ma se vi dicessi che, girando pagina, scoprite che un tempo i Boffi erano blu e non gialli e alquanto diversi dai Boffi di oggi?

Ecco che in due pagine la storia prende un'altra piega.
Tutti più attenti ed incuriositi per capire come questo sia possibile.


Se volete ascoltare la lettura delle prime pagine, date un'occhiata al video qui sotto.




Si parte allora per un viaggio alla scoperta delle ragioni che hanno portato a tale trasformazione.

Viene riproposta la stessa frase iniziale con un'immagine simile: anche quando i Boffi erano blu, erano gli uni diversi dagli altri, proprio come lo sono ora anche se gialli.

Il cambiamento del clima ha fatto la prima selezione perché i Boffi dal pelo corto non riescono a sopravvivere al freddo rigido e quando la tormenta cessa, rimangono solo i più pelosi.

Ecco che da quel momento nascono solo Boffi pelosi, sia blu che gialli come il prato che mangiano.
Perché noi Boffi siamo così?

Poi arriva un Grifalco a fare una nuova selezione.
Il Grifalco infatti è ghiotto di Boffi ed inizia a mangiare tutto quello che vede.
E' così che i Boffi blu visibili da molto lontano, vengono sterminati mentre i Boffi gialli si salvano perché ben si mimetizzano con il colore del prato sfuggendo così allo sguardo del vorace Grifalco.

Da quel momento in poi nascono solo Boffi gialli, di varie "forme" e dimensioni, col collo lungo e corto.

Ma ecco che un nuovo fenomeno arriva a fare un ulteriore selezione.

Sul pianeta dei Boffi inizia a fare molto caldo e la terra diventa arida.
I Boffi bassi non trovando cibo e muoiono, mentre si salvano i Boffi alti che arrivano alle foglie di Bongobab.

Giungiamo così alla fine di questa storia:
"Questo viaggio nel tempo, dal passato a oggidì, racconta perché i Boffi son diventati così!"
e il passaggio all'evoluzione dell'uomo è breve:
"L'evoluzione spiega i Boffi e altri fatti strani, perfino come noi siamo diventati esseri umani!"
Perché noi Boffi siamo così?
Questo bellissimo albo illustrato termina, com'è giusto che sia, con un cenno storico a Charles Darwin e alla sua teoria dell'evoluzione...sempre in una forma adatta per i piccoli lettori, ovviamente!

Le illustrazioni di Elys Dolan sono molto belle, buffe, divertenti, con colori vivaci e particolari sorprendenti che attraggono la curiosità del piccolo lettore tanto da portarlo a scrutare le immagini per cercare esseri curiosi e unici.

Cosa dire del testo di Jonathan Emmett tradotto dalla bravissima Lucia Feoli?


Beh, come avrete notato ed ascoltato dal video, il testo è completamente in rima ed accompagna le illustrazioni in modo adeguato, senza esagerare nella lunghezza e dando così al lettore la possibilità di "memorizzare" quanto letto e, senza dimenticarsene, di andare a cercare conferma tra le immagini.

Io non posso che consigliare questo libro e metterlo in cima alla mia lista dei "the best ones", sia per i colori "nuovi", freschi, vivaci, allegri così come per il testo e la storia originale.
E' un libro che mi sento di consigliare anche alle maestre delle scuola primaria per affrontare (solitamente in terza) il tema dell'evoluzione dell'uomo e degli altri esseri viventi che, con tempi molto più lunghi rispetto ai Boffi, hanno comunque subito un'evoluzione analoga.

Se siete arrivati fin qui, fatemelo sapere lasciando un commento qui sotto.

Vi lascio anche il link alla scheda del libro della casa editrice --> clicca qui <---

Vi aspetto di nuovo qui sul blog con il prossimo albo illustrato...e chissà di cosa parleremo! (m-i-s-t-e-r-o-o-o-o-o-o-o-o-o)

Buona lettura
mamma-ste


Nessun commento:

Posta un commento